Contattaci subito per richiedere informazioni!

Aumento degli Zigomi

È ormai chiaro, oggi, quanto sia importante la cura del viso per far sì che la pelle resti sempre idratata, luminosa e, perché no, giovane.
Gli elementi che lo compongono come le labbra, il naso e gli zigomi, determinano i lineamenti del viso stesso ed è per questo che tante volte, bisogna intervenire su alcuni di essi.

La chirurgia estetica come rimedio

La chirurgia per gli zigomi, ad esempio, è il sistema migliore per aiutarlo esteticamente quando la loro rotondità e la loro curva si perde nel tempo.
Gli zigomi, infatti, con il passare degli anni appiattiscono, donando al viso un aspetto stanco, segnato in maniera discendente che perde definitivamente ogni luminosità.
Inizialmente si riesce a tamponare con un buon bush con il quale si può ricreare un gioco di chiaroscuri che apparentemente dona volume agli zigomi.
Quando però il problema peggiora, è necessario e risolutivo solo l’intervento di uno specialista chirurgo estetico.
Con la chirurgia estetica gli zigomi vengono letteralmente aumentati di volume, tirati in su con un vero e proprio sistema push – up ed i metodi, sono ovviamente diversi in base all’anamnesi del paziente ed alle cause dell’abbassamento degli zigomi.

I Filler

Inizialmente si può optare per qualcosa di poco invasivo come, ad esempio, la tecnica del cosiddetto filler.
Essa consiste nell’iniettare delle sostanze che donano volume attraverso una piccola iniezione che viene effettuata in maniera semplice ed indolore nel laboratorio del medico chirurgo. In tal modo le sostanze iniettate aumentano il volume degli zigomi donando così al viso nuovamente le rotondità e gli spigoli al posto giusto.
aumento degli zigomiI filler sono densi, generalmente a base di acido ialuronico ma oggi esistono dei nuovi tipi a base di idrossiapatite di calcio che risultano avere un effetto più immediato, praticamente già a fine seduta, con la differenza però che l’effetto rimpolpante viene assorbito nell’arco di pochi mesi. Sembrerebbe quindi non conveniente, ma in realtà, le microsfere di idrossiapatite sollecitano e stimolano la rigenerazione cellulare portando così man mano alla formazione di un nuovo collagene che darà naturalmente tono e stabilità alla pelle.

 

Lipofilling

Ovviamente se il problema dell’ipotrofia degli zigomi è eccessiva, notevole e preoccupante, il chirurgo opterà per un metodo leggermente più invasivo, duraturo ed efficace detto lipofilling o lipostruttura.
Questa tecnica consiste nel trapiantare del grasso prelevato da altre zone del corpo, il che non dispiace al paziente.

Procedura d’intervento

Il grasso prelevato attraverso delle microcannule verrà poi iniettato in maniera precisa direttamente nei vari distretti del viso che contornano gli zigomi.
Questo mini intervento viene effettuato sempre in ambulatorio, in anestesia con sedazione ed il paziente può tornare subito a casa perché non esistono né controindicazioni né particolari riprese post operatorie.

Il problema forse più grave che determina un abbassamento degli zigomi non correlato al tempo che passa, è rappresentato dalla mancanza di volume proprio nella struttura ossea degli zigomi.
In tal caso, infatti, l’intervento di chirurgia zigomi, sarà diverso e vedrà impiantare direttamente una protesi zigomatiche biocompatibile mediante accesso dalla bocca.

Questa tecnica risulta essere quella definitiva perché, a differenza di quelle precedentemente illustrate, la protesi resta lì fissa senza subire alterazioni nel tempo e senza assorbimento alcuno.
La protesi viene inserita attraverso delle piccole incisioni praticate all’interno della bocca creando così lo spazio necessario per farla alloggiare e risaltare gli zigomi.

Il Lifting

Ai sistemi precedentemente illustrati, non bisogna però dimenticare né sottovalutare l’ormai più che noto intervento di lifting.
Per chi non conoscesse tale tecnica si tratta di un vero e proprio intervento chirurgico, effettuato in anestesia e che tante volte richiede almeno una notte di osservazione.
Durante l’operazione chirurgica, attraverso delle microincisioni, i tessuti degli zigomi vengono rimossi e riposizionati fissandoli poi con dei fili o altro tipo di materiale che li solleveranno.
L’intervento è più invasivo, spesso durante lo stesso si opta anche di asportare una parte di pelle in eccesso e capita di dover ricorrere a drenaggi aspiranti che verranno rimossi nelle ventiquattro ore.
Il post operatorio è un po’ più doloroso e lungo, si possono però somministrare analgesici ed antinfiammatori che avranno anche il compito di ridurre l’inevitabile formazione di edema ed ecchimosi che spariranno all’incirca in una settimana.