Contattaci subito per richiedere informazioni!

Minilifting al viso

Cosa è il Minilifting

Il mini lifting è un intervento che sta diventando sempre più popolare e più richiesto perché è più veloce, più facile, molto meno invasivo e dai costi più contenuti rispetto al lifting completo.
Corregge i rilasciamenti del viso e del collo, in particolare la perdita di tonicità e la corretta definizione del III medio del volto.
Ridona freschezza alla pelle e tono alla muscolatura.
È un intervento molto veloce, è sufficiente una sola notte di ricovero e alcuni giorni di riposo a casa. Per i suoi risultati immediati e i brevi tempi di recupero viene chiamato anche “lifting del weekend”.
Il mini lifting è un intervento indicato per pazienti relativamente giovani, di età tra i 35 e i 40 anni, che hanno subito un rilassamento nella parte inferiore del volto ma hanno mantenuto una buona definizione della regione degli zigomi.

Preparazione all’intervento

Prima di un intervento di mini lifting il paziente deve sottoporsi ad un’accurata visita medica, effettuare esami di laboratorio, un doppler venoso degli arti inferiori, raggi X del torace e una visita cardiologica.
Si sconsiglia l’uso di farmaci come l’aspirina o antinfiammatori perché possono interferire con la coagulabilità del sangue.
I fumatori devono sospendere il fumo almeno due settimane prima di sottoporsi all’intervento, in quanto, per la sua azione vasocostrittrice, il fumo può interferire con la guarigione.

L’intervento

miniliftingL’intervento di mini lifting può essere eseguito con anestesia locale con eventuale sedazione, e dura circa 2 ore.
È minimamente invasivo, vengono praticate piccole incisioni nella zona preauricolare e lungo la linea dei capelli, e le cicatrici saranno praticamente invisibili.
Attraverso queste incisioni si scolla la cute per riposizionarla sui muscoli dopo un leggero stiramento. Si asporta l’eccesso cutaneo e si esegue la sutura con punti interni. Si lascia un piccolo drenaggio dietro l’orecchio che viene rimosso entro 48 ore.

 

 

Fase post-operatoria

Dopo l’intervento si consiglia una settimana di riposo e di sospendere le attività fisiche intense per 4 o 5 settimane. Come per qualsiasi intervento chirurgico, è necessaria una terapia con antibiotici e antidolorifici.
Eventuali ecchimosi ed edema si riassorbono in un paio di settimane.
I punti di sutura, se non sono riassorbibili, vengono rimossi durante una visita di controllo per verificare i progressi e la guarigione, fissata dopo 2 settimane dall’intervento.

Risultati del Minilifting

I risultati di questo tipo di intervento non sono immediati, per apprezzarli al meglio sono necessari da 1 a 3 mesi, sono molto soddisfacenti e stabili nel tempo.
Il viso appare più giovane, tonico, levigato e dai contorni più definiti.

Rischi e complicanze del minilifting

Come qualsiasi altra pratica di tipo chirurgico anche il mini lifting non è esente da complicanze e, sebbene siano previsti buoni risultati, questi non possono essere garantiti.
Tuttavia, viste le caratteristiche poco invasive dell’intervento, i rischi sono meno frequenti e meno gravi rispetto ad un lifting completo.
Possono formarsi ematomi, infezioni, lividi e gonfiore, ma queste complicanze si risolvono entro 1 o 2 settimane al massimo.
Possono verificarsi disturbi limitati della funzione mimica facciale, quasi sempre transitori, che si risolvono in pochi giorni dall’intervento, o una perdita di sensibilità temporanea a carico della cute del volto per un interessamento dei rami nervosi sensitivi.
Si può verificare una perdita di capelli intorno alle cicatrici, in genere temporanea.

Per ridurre al minimo il rischio di complicazioni, si consiglia di:

  • evitare di fumare;
  • tenere la testa sollevata, anche durante la notte (aiutandosi con più cuscini);
  • non fare sforzi durante i primi giorni successivi all’intervento;
  • non assumere antinfiammatori e aspirina.